Questo sito fa uso di cookie Per saperne di piu'

ok

Continua lo stallo per le valutazioni dell’oro, da cosa è dovuto?

Mercoledì, 08 Novembre 2017 Per i Clienti nessuna variazione di rilievo

Un costante crollo. Le previsioni sul valore dell'oro non sono affatto positive: stando alle ultime stime effettuate dagli analisti di Goldman Sachs si arriverà ad un tracollo netto, che porterà il valore a 1,100 dollari l’oncia.
Questo andamento non è affatto casuale, anche perché l'altalena dei prezzi è iniziata nei primi giorni del 2017: già da Gennaio 2017 le previsioni non sono mai state rosee rispetto agli anni passati.

A marzo il picco massimo, che ha toccato quota 1.300 $ l'oncia: un vero risultato positivo ma che non ha per niente modificato i trend negativi. E per questi ultimi mesi le previsioni sono sempre più complesse.
Il crollo delle quotazioni oro, a quanto pare, dovrebbe attestarsi sotto ai 1.100 dollari l'oncia, con conseguenze che possono influenzare moltissimo i mercati.
L'alzamento dei tassi della Fed non fa altro che aumentare queste preoccupazioni: si rischia davvero troppo, soprattutto per quanto riguarda i prossimi mesi.
E gli scenari politici ed economici presenti nel mondo non fanno di certo pensare a qualcosa di buono.

Quali sono i motivi del crollo dell'oro?

Ci sono diversi motivi che hanno portato al crollo del valore dell'oro.
Su tutti abbiamo sicuramente la crisi tra Stati Uniti e Corea del Nord, che non accenna a diminuire.
Infatti le frizioni tra i due presidenti stanno creando non pochi problemi anche alla quotazione dell'oro e stando alle ultime notizie non sembra diminuire questa inutile tensione.

Le faccende che riguardano gli Stati Uniti sono ovviamente fondamentali, anche perché l'economia statunitense è una delle principali al mondo, dunque influisce in maniera diretta. Un altro scenario che non ha di certo contributo a fermare l'altalena dei prezzi riguarda il Venezuela. Durante quest'anno solare il paese sudamericano ha subito moltissimi colpi all'economia locale, dunque c'è stata anche una ripercussione sul prezzo dell'oro in generale.

Molte politiche monetarie internazionali, su tutte l'euro, hanno contribuito ad un crollo maggiore del valore: dunque i mercati devono in ogni modo cambiare il loro atteggiamento nei confronti dell'oro.

Quali saranno i prossimi scenari?

Come abbiamo visto uno dei motivi principali riguarda lo scontro Usa-Corea Del Nord, che stando alle ultime notizie sembra acuirsi ogni giorno di più. L'inasprimento dei rapporti sta avendo un risalto mediatico non indifferente, ma questo fa si che anche tante situazioni interne agli USA determinano questa situazione.

Il presidente americano Donald Trump ha interrotto bruscamente molti rapporti commerciali, dunque la circolazione monetaria ha subito sicuramente un cambiamento. Anche alcuni scenari economici europei, dovuti alla forte immigrazione che ha investito la zona del Vecchio Continente, ha contribuito molto ad un impatto sui valori.
Le previsioni, dunque, non sono delle migliori. Bisognerà sicuramente attuare delle politiche economiche ben diverse per poter evitare un ulteriore crollo. Già il prezzo di 1.100 dollari l'oncia potrebbe essere deleterio, se nel caso di dovesse scendere ancora di più le conseguenze potrebbero essere disastrose. Urge correre ai ripari, ma non solo con politiche economiche efficaci.

Italia Compro Oro è iscritta all'Albo degli Operatori Professionali in Oro redatto dalla Banca d’Italia al numero 05004700.